Google Website Translator Gadget

mercoledì 31 agosto 2011

Più in cielo che in terra


Ripesco, a distanza di quasi un mese ormai, ciò che lessi a riguardo del matrimonio di Paola Concia. Si tratta di una lettera che suo padre, 83enne, ex-dirigente dell'Azione Cattolica, le scrisse in occasione delle sue nozze con Ricarda, celebrate in Germania.
Mi commossero queste parole, per l'affetto, la lungimiranza e soprattutto per la sua delicatezza, uomo di fede non bigotta ma vissuta e maturata e forse proprio per questo così lontano dal giudizio e così aperto all'amore.

Cara Ricarda ed Annapaola,
solo voi potete sapere quanto è stato duro, difficile ed anche dolorosa arrivare a questo giorno di felicità.
Purtroppo io non sarò con voi ma ci saranno fratelli e nipoti che vi faranno sentire l'affetto che meritate. Già da domani tornerete ad affrontare l'intolleranza e in qualche caso addirittura l'odio per chi ha fatto una scelta di amore.  Un amore diverso ma non per questo meno intenso e puro.
Ho oltre 80 anni e neanche per me è stato facile capire ed accettare fino in fondo. Ma quello che voglio dirvi è che ne a me ne ad altri dovete rendere conto, ma solo l'una all'altra. Perchè il diritto ad amarvi è scritto più in cielo che in terra. "In paradiso i matrimoni non ci sono ma l'amore si".
Benvenuta tra noi Ricarda. Per me sarai una figlia, sorella degli altri miei figli e come loro ti amerò.
Paola voglio ringraziarti per avermi donato ancora a questa mia tarda età la voglia di ribellarmi all'ingiustizia.
Auguri  Papà


10 commenti:

  1. Bellissime parole che dimostrano come si vive la propria fede con il rispetto e l'amore per gli altri.

    RispondiElimina
  2. Bellissima! Parole forti e vere! La frase sul paradiso andrebbe incisa nel marmo e, in effetti, il matrimonio è proprio una creazione dell'uomo, mica di lassù...
    Bellissima anche la prima foto, è di una tenerezza assurda!
    Come siamo romantici oggi...

    RispondiElimina
  3. Vorrei anche io avere la stessa fortuna.

    RispondiElimina
  4. belle parole fortunato chi se le sente dedicare.particolarmente significativa per me la prima foto...ricordi recenti:)grazie per questo post!
    lost

    RispondiElimina
  5. quelle parole esprimono i sentimenti di padre ,e di una fede radicata nella vita come è lontano dal comune sentire e giudicare da parte della zona religiosa sullo stesso argomento (che è la vita ).Ma grazie della lettera posta a riflessione

    RispondiElimina
  6. Effettivamente non ci sono parole più belle e sentite di quell'atto d'amore di un padre per un figlio...
    Purtroppo nel nostro Paese la sensazione è che tutto ciò avverrà in un altro secolo, non il nostro, e questo mi rammarica parecchio...
    Inconsapevole, grazie per le bellissime sensazioni che mi, e spero ci, stai facendo provare con il racconto della tua vacanza romantica... Dovremmo partire tutti in quelle terre, sono davvero affascinanti! ;)
    Ti leggo sempre con piacere!

    RispondiElimina
  7. Molto bello quello che ha scritto!

    Ps. ben tornato (anche se sono io in ritardo!) :)

    RispondiElimina
  8. @ loran - tra l'altro siamo qui a stupirci, quando dovrebbe essere la normalità che la fede si concili con l'amor e il rispetto del prossimo... :/

    @ Miky - anche a me è piaciuta molto la fotografia che ho scelto per l'apertura del post.

    @ Rano - quale fortuna? Il matrimonio? Un padre così maturo? Entrambi? E' sempre una grazia poter essere circondati da persone così belle dentro...

    @ lost - che bello sapere che hai vissuto momenti così, perchè non me li racconti?

    @ kento - mi è parsa talmente bella questa lettera, rintracciata nei primi giorni di ferie, che me la sono appuntata per divulgarla poi, talmente era forte il mio desiderio di condividerla.

    @ Malakh: prego. E allora partiamo!

    @ Still - ben tornato anche a te! Davvero!

    RispondiElimina
  9. @ Lavega - è il signor Concia che ci ha commossi tutti...

    RispondiElimina

Se vuoi dir la tua, commenta qui:

Related Posts with Thumbnails