Google Website Translator Gadget

sabato 8 ottobre 2011

Polivalenze

Che bello lasciarsi stupire dalla propria componente sessuale.
Passare dal pensiero all'azione ti permette di scoprire cose inedite di te stesso ed anche questo è conoscersi, crescere.

Ci pensavo in questi giorni e facevo la cronologia della mia sessualità: gay mai dichiarato, represso (e un po' depresso) ho passato l'adolescenza con le classiche seghe con gli amici e poi la fase dai 20 ai 40 anni con il vuoto assoluto. Solo qualche rara esperienza, fugace, casuale. Da cardiopalma, ma più per la paura di ciò che accadeva e i sensi di colpa piuttosto che per batticuori o innamoramenti.
In tutta quel periodo le mie fantasie si fissavano sull'oggetto del desiderio: il cazzo. Era quello l'oggetto e il soggetto e facciamo pure il complemento oggetto...visto che pensavo solo a quello. Quella era la voglia, il dedicarmi a lui e potermelo godere con tutti i sensi. Guardarlo, toccarlo, manipolarlo, annusarlo, assaggiarlo, sentirlo in me...
Questo desiderio di cazzo rafforzava in me l'idea della mia natura passiva.

Poi, la vita vissuta.
L'incontro con A. prima e con L. poi.
Già dai primissimi incontri mi rendo conto che il mio pene desidera ruoli da comprimario, insomma: basta far la comparsa, lui vuole sfondare... le scene, cavalcare... il palco,
e quasi mi stupisce scoprire la mia versatilità.
Ritengo la condizione di versatile la più bella che mi potesse capitare, insomma... poter giocare in ogni ruolo è sempre vantaggioso ai fini di una bella partita. Ed è anche comodo e utile visto che già trovare il partner giusto non è così facile e se ci si deve pure misurare con attese diverse, diventa tutto più complicato.

Quello che invece mi stupisce di più è scoprire che sto vivendo una fase dove la componente "attiva" sta prendendo il sopravvento.
Nell'eccitazione, nella concitazione, nelle pulsioni che vivo l'oggetto del mio desiderio è diventato pure il culo e  quasi non mi riconosco se, deciso e dominante, voglio condurre il gioco.
Ma queste variazioni sono così frequenti anche in voi? Oppure avete ben definito e vi siete "stabilizzati" su una scelta, una tensione, un ruolo ben determinato? O questi desideri cambiano con il tempo? Cambiano con il partner?

Questi interrogativi non mi creano pensieri ma, come dicevo all'inizio, stupore.
Non so perchè ma il sentirmi in evoluzione anche nella componente sessuale mi fa sentire più vitale e positivo.
Chissà che, anche in questo caso, non sia il solo a sentirmi così.

27 commenti:

  1. per quello che riguarda me,dipendende dal partner,almeno fino adesso è stato cosi':)
    lost

    RispondiElimina
  2. E' normale avere delle evoluzioni sessuali ... per chi non è solo attivo a vita... o solo passivo a vita... per noi versatili credo sia normalissimo vivere delle fasi alterne... dei crescendo e viceversa! ...Concordo in pieno con tutto ciò che hai scritto! Vai tranquillo e ... godiamoci il momento... e quel che sia sia! :) kisss

    RispondiElimina
  3. io vado molto a fasi alterne... per dei problemi ho iniziato passivo... poi sono stato qualche anno solo attivo, e solo ora da qualche mese sono tornato a prenderlo ogni tanto... sarò strano?

    RispondiElimina
  4. Assolutamente si!!! Dipende dai periodi, dalle persone e, perchè no, anche dalla differenza d'età... Oppure da dove mi si tocca... Insomma, a parer mio è molto variabile la cosa! :P

    RispondiElimina
  5. Hai descritto molto bene una situazione che si determina, io credo, quando si ama davvero qualcuno. I ruoli cambiano e si modificano in relazione anche alla persona con cui si è in relazione e vi è intesa reciproca.
    Io, che per una vita non ho fatto/avuto alcuna esperienza, ora trovo "normale" una certa versatilità (tranne che per altri accidentali impedimenti!).
    P.S. La tua capacità di analisi ed introspezione è sempre interessante.

    RispondiElimina
  6. sono essenzialmente passivo, nonostante tutti se ne stupiscano... ma in "amore" non ci sono ruoli, c'è il rapporto di coppia e, nonostante rimanga al 90% passivo, non mi precludo mai nulla... ma solo con la persona giusta...
    E.

    RispondiElimina
  7. Sono stato esclusivamente attivo per molti anni, ma sotto sotto c'era un desiderio di fondo: quello di "appartenere"... di "essere di"...; poi la mia fisicità è cambiata (un cambiamento anche imposto dai medici...) e da necessità nasce virtù... Nooooo, non sono un santo, semplicemente ora passivo, ma a volte ritorna il desiderio di ricoprire il ruolo di un tempo... Sì, sicuramente dipende da chi hai vicino, da quali stimoli sei travolto, e da quale piega prende l'atto... Perdona le mie divagazioni contorte, ma i tuoi pensieri sono così simili ai miei che anche i miei si accendono!!!

    RispondiElimina
  8. Mai avuto ruoli predefiniti e a cui voglio attenermi anche nella vita di tutti i giorni quindi anche nel sesso per me è all'insegna della massima versatilità quindi non ho problemi ad assecondare i desideri degli altri se hanno dei parametri fissi da cui non vogliono uscire.
    Il problema a volte sorge quando si incontra una persona altrettanto versatile e allora bisogna decidere chi lo prende e chi lo mette, magari si scambiano due parole prima riguardo ai desideri del momento e se sono uguali al limite si tira una monetina e si fa a testa o croce.

    RispondiElimina
  9. Non ho ruoli nè barriere..quello che si fa a letto è (quasi) tutto buono!
    Detto questo ti avrò sconvolto visto che di solito commento sempre in modo molto pacato :P

    RispondiElimina
  10. Still: non so (In)...ma hai sconvolto me!in positivissimo;D
    lost

    RispondiElimina
  11. Io credo che tu sia la persona più normale di questo mondo!:-)come già gli altri ti hanno confermato, è normalissimo (e secondo me piacevolissimo) poter esprimere in diversi modi la complicità nella coppia. Non pensarci troppo, anche se mi rendo conto che per la tua bella mente sia troppo semplicistico fermarsi alle prime impressioni.:-)Sono contento x te e leggere i tuoi pensieri schietti è sempre un grandissimo piacere!:-))

    RispondiElimina
  12. Più che un commento,è solo una testimonianza personale.Vivo in coppia da oltre tre decenni e il sesso è stato SEMPRE reciproco.Credo nella parità e non abbiamo mai voluto creare dei ruoli, neanche nella routine quotidiana.Certo, prima di chi è divenuto "la mia metà migliore"ero piuttosto attivo.Forse perchè ancora non mi ero accettato del tutto.Luigi43

    RispondiElimina
  13. Beh, come "barometri" direi...
    oggi sole, domani coperto e umido...poi sole oppure variabile!
    La costante è comunque l'eros, il sesso; E l'amore fattore fondamentale, contribuisce a slacciare, come un corsetto di pizzo, i lacci dei freni e quindi via a rotta di collo, correndo giù per un campo, fino alla meta! Ma quale sia la meta ogniuno di noi lo sa...
    Attivo, versatile o passivo, ho sempre pensato che c'è un tempo per ogni cosa, in fondo anche il colore dello smalto delle mie unghie cambia di volta in volta e quindi che male c'è a sentirsi una volta Colombina o Arlecchino??!
    For me....attiva!!! e tranquillo, non è nulla di grave aver voglia di penetrare il "lato oscuro"...kiss

    for you

    RispondiElimina
  14. @ lost - già, credo anch'io che il partner sia uno dei fattori determinanti. E così anche tu nessun ruolo fisso, eh?

    @ I'M SO GUY - non solo "è normale avere evoluzioni sessuali" ma credo sia anche bello!

    @ Rafaele - a corrente alternata insomma... Chissà che belle... "scosse".

    @ Miky - e dove ti si deve... toccare? :P

    @ Parigino - grazie, mi fa piacere riuscire a non essere banale anche su argomenti "del cazzo". Eppure io mi sento molto scontato in queste riflessioni... Pare di no, dal tono delle vostre risposte. Grazie ancora.

    @ E. - dici una cosa che condivido: mai precludersi nulla a priori. E' importante.

    @ Timan60 - tutt'altro che contorto. Tutt'altro! :)

    @ loran - mai tirato a testa o croce. Meglio scoprirsi durante l'atto: dalle risposte e dagli atteggiamenti diventa chiaro "chi" fa "cosa". :)

    @ Still - macchè sconvolto. Mi sembra di scoprire un nuovo Still da qualche tempo a questa parte. Anche tu in evoluzione?

    @ Anonimo 01:18 - anche secondo me è piacevolissimo esprimersi anche con diversità e varianti. Grazie per tutte le altre parole.

    @ Luigi43 - grazie per la tua testimonianza. La reciprocità in amore è una cosa davvero bella.

    @ Nanà - eh si lo so che non c'è nulla di male. Quei lati oscuri mi galvanizzano ;)

    RispondiElimina
  15. @Inco, davvero un nuovo Still? wow sono curioso :)

    RispondiElimina
  16. E' l'impressione che ho leggendoti. Cmq i curiosi siamo noi...

    RispondiElimina
  17. che bel post! anche per quel che riguarda me l'attività, la versatilità e la passività si alternano. dipende dai periodi e da chi ho davanti. non ho un godimento nel culo o nel cazzo, ma nella situazione che fa sbocciare e soddisfa il mio desiderio.

    RispondiElimina
  18. @ Anxiety - fasi alterne anche tu, allora. si, hai ragione: più che nel cazzo o nel culo (ma per me anche la genitalità conta parecchio)è la situazione che crea il godimento. La situazione, il rapporto, il contesto... Quante variabili!

    RispondiElimina
  19. non potevo non rispondere!!!beh x me ci sn stati sempre momenti da attivo e momenti da passivo, dipende da chi mi trovavo davanti, ma era solo per il sesso orale.Culo non davo mai.AHI AHI che dolor!purtroppo...poi un bel dì ho trovato la persoba giusta e adesso da circa un annetto mi piace prenderlo ma forse perchè mi piace CONDURRE il gioco e da passivi è bellissimo perchè in realtà l'inculato fa "credere" al dominatore di essere dominante ma se cavalchi è un gioco erotico da piacere immenso! e poi mi piace "venire" insieme a lui....quasi sempre.... :-) reciprocità..prima nella testa.... forse succederà a cnhe te chi lo sa....

    RispondiElimina
  20. Ma, secondo me la risposta sta un po' nel "cane che si morde la coda" nel senso: io ritengo che nel sesso, l'amore conta poco, quel che si cerca è il godimento fisico.... ma il godimento fisico è dato dal nostro copro (tutte le part: buchi, apici, zone, punti ecc. ecc.) e dalla nostra mente (nel senso che deve essere "disposta" a godere, a lasciarsi andare) e per questo è necessario che ci sia una "particolare" relazione, un feeling tra i giocatori, è questo c'è solo quando si raggiunge una particolare intesa dovuta al sentimento (quasi sempre, c'è chi ci riesce anche senza, beato lui!!!).
    Quindi per dirla in senso figurato: ce la abbiamo nel culo!
    Nel senso che con la persona giusta si fa tutto! e quando dico tutto intendo tutto! E dalla mia posizione puoi capire cosa intendo, vero?
    Ci si da in tutto e si prende tutto (sempre con il reciproco consenso sia chiaro!!!).
    Rinunciare ad una parte di noi, del nostro corpo, del nostro piacere, è limitante e sinceramente uno spreco, il corpo umano è perfetto ed è un peccato mortale non conoscerlo e non usarlo!!!!
    E dopo questo. Amen!!!
    ;)

    RispondiElimina
  21. In, nn pensare male, basta anche una mano che mi passa sui fianchi dolcemente... Basta, mi ribalto come un tartaruga in balia degli eventi... :P

    RispondiElimina
  22. la versatilità è proprio un dono del cielo. io personalmente ho proprio avuto la tua stessa "evoluzione". chissà dove evolveremo da qui a qualche anno
    :-))

    RispondiElimina
  23. speriamo non verso qualche campo di Patate:D brrrrr....
    lost

    RispondiElimina
  24. @ Chico - vedo che hai scoperto anche tu i piaceri della versatilità... ;)

    @ Alberto - capisco tutto ;). Amen e così sia! :D

    @ Miky - ecco, a me succede se mi si tocca la schiena :O

    @ Oscar - si, davvero un gran bel dono quello della versatilità. Tra qualche anno... Ci daremo appuntamento per raccontarcela

    @ lost - urca, che evoluzione! Ma mai dire mai nella vita. Quanti etero non hanno mai pensato di poter godere nelle braccia di un uomo?

    RispondiElimina
  25. Mi sa che ci hanno fabbricato nella stessa fabbrica... ;)

    RispondiElimina
  26. ciao sono manu, io credo di essere una rara forma di eccezione rispetto a tutti xchè io non amo particolarmente ne il ruolo attivo ne quello passivo, diciamo che amo molto il vedere,il toccare, l'assaggiare lo scoprire e il dare piacere all'altro ricavandone così il mio.
    diciamo che non mi piace ne l'idea del metterlo nel culo (che la mia mente vede come progettato x altro scopo d'evacuazione) ne il prenderlo (sempre per lo stesso motivo con l'aggiunta del fastidio/male che non sopporto)
    nel passato ho fatto entrambe le cose per provare quindi non manco di esperienza del provare prima di scartare a priori, però mi infastidisce proprio l'idea che il culo venga usato x il sesso, a me fa schifo l'idea,che ci posso fare? e quindi anche se mentre lo prendo a volte con alcuni partner ho anche provato piacere,poi l'idea di qualche piccolo intoppo mi blocca e mi inorridisce...(intendo la possibilità di qualche piccolo incidente di percorso che a volte a tutti può accadere).
    a volte penso che l'invenzione del metterlo nel culo sia stata davvero un idea orrida,non poteva bastare tutto il resto senza questa ultima parte finale?...
    quindi baci,abbracci (che adoro) contatto fisico, sex orale, con le mani, petting....

    bo so che sono un caso rarissimo che la pensa così ma x me è così e ho 33 anni quindi non proprio all'inizio e inesperto...

    che ne dite?

    RispondiElimina
  27. @ Manu - credo che il vissuto affettivo-sessuale, in tutte le sue forme e con tutti i significati che attribuiamo, siano uno degli aspetti più personali.
    I gusti non si discutono, ma io non mi soffermo troppo alla funzione evacuativa del retto, altrimenti dovrei anche pensare alla funzione della minzione del pene... Ah, c'è chi mi dice essere appassionato anche di quella (pissing lovers vari... che a me non piacciono). Appunto... de gustibus! ;)

    RispondiElimina

Se vuoi dir la tua, commenta qui:

Related Posts with Thumbnails