Google Website Translator Gadget

domenica 13 marzo 2011

Impresa

Storica impresa ieri, per la prima volta l'Italia batte la Francia al 6 Nazioni con una partita al cardiopalma ed un testa a testa sino all'ottantesimo minuto. Il finale della partita vede il punteggio di 22-21 per i nostri, grazie alla meta di Andrea Masi e ai 17 punti dei calci piazzati dal sempre bello Mirco Bergamasco.
Confesso che (In)consapevole ieri ha speso qualche lacrimuccia nel vedere questo risultato e la gioia dei calciatori in campo. (In)consapevole che fino a qualche anno fa neanche conosceva il rugby ma che grazie all'ingresso italiano nel 6 Nazioni e ai Dieux Du Stade, si è avvicinato a questo sport dapprima solo per curiosità, oggi con orgoglio da tifoso.
L'abbraccio di gioia e le lacrime tra Sergio Parisse e l'allenatore Nick Mallet sono stati la goccia che ha fatto traboccare il vaso delle mie palpebre. Goccioloni!
Ma anche gli abbracci forti, la voglia di contatto incontenibile di tutta la squadra son stati tutto un sussulto per me:
La partita è stata bellissima; sia tecnicamente sia per la voglia di combattere fino alla fine di entrambe le squadre:
Zanni è stato un grande in tutta la partita
La meta che ha dato entusiasmo all'Italia e la convinzione di potercela fare davvero è stata regalata dal grande Andrea Masi:
A lui e ad altri giocatori rendiamo omaggio con le splendide foto della campagna rugby di D&G
Masi, il grande pettorale, ultimo sulla destra
Masi, il fisicone nello slip bianco!
E per non dimenticare, gli Highlights del match!

14 commenti:

  1. Grandi, stupendi, bellissimi, UOMINI...mi piace il rugby anche se non lo seguo molto, ma è uno sport che conserva l'anima dello sport e la tramanda ai suoi giocatori, dei grandi dal cuore tenero e con principi sani, solidi e nobili.

    RispondiElimina
  2. finalmente! da come lo raccontavi sembrava che non avrebbero mai vinto a livello internazionale

    RispondiElimina
  3. @ MicrOO - hai detto bene: UOMINI! Per muscoli, carattere, vera sportività, valori. Beato te che vivi nella patria del Benetton Treviso...

    @ Lavega - si vinceva proprio poco in effetti. Speriamo che questa vittoria prestigiosa dia il LA per altre splendide avventure.

    RispondiElimina
  4. Vero sport sportivo, veri sportivi non imbellettati e super milionari, dei grandi !
    Per non parlare dei fisici, uff....

    RispondiElimina
  5. Sono contento che abbiano vinto!! :)

    RispondiElimina
  6. Per (in)consapevole ... La patria del Benetton Treviso è anche la patria della Lega più becera con ogni tipologia di diversità ...

    RispondiElimina
  7. GRANDISSIMI e bellissimi!!! :P

    RispondiElimina
  8. grandissimi e....GROSSI!!!:P
    lost

    RispondiElimina
  9. Se la sono proprio meritata questa vittoria.:)

    RispondiElimina
  10. @ Teo - la sportività dei rugbisti non si discute. Ma neanche il fisico. Ma proprio tu dici uff! che già mi "orgasmano" i tuoi bicipiti?

    @ Still - io ridevo e piangevo addirittura!

    @ parigino_72 - la lega becera la conosco bene, son lombardo, ci vivo in mezzo. Sull'innominabile sindaco trevigiano, appunto non nominiamolo. Ma è un motivo in più per fare emergere le cose belle che a Treviso comunque ci sono. Tra le cose belle c'è anche MicrOO, basta vedere il filo spudorato che gli fanno i vari blogger... :D

    @ Miky - si, ma sono miei, chiaro? ;)

    @ lost - grossi, grossi, si, si! E MASCHI!

    @ loran - meritata e sudata. Un combattimento senza sosta :)

    RispondiElimina
  11. Ed ora per festeggiare tutti nudi con loro negli spogliatoiiiiiiiiiiiii :D :D :D

    RispondiElimina
  12. Edddaaiii (In), lasciamene qcuno... :(

    RispondiElimina
  13. @ I'M SO GUY - io ci sto!

    @ Miky - sarò magnanimo: uno!

    RispondiElimina

Se vuoi dir la tua, commenta qui:

Related Posts with Thumbnails