Google Website Translator Gadget

sabato 25 settembre 2010

Desideri in cam


Cominciamo con un breve filmato:
video

Questo video è stato tratto dal bel film "Do comeco ao fim", che ci è stato consigliato e tradotto da Teo nel suo blog. Ve lo propongo per due motivi: il primo perchè è un film interessante, che merita di essere visto per la particolarità del tema e per i due attori tremendamente belli. Il secondo motivo, molto più banale, è che questo estratto mi serviva a introdurre ciò che mi è stato chiesto qualche post fa, cioè di raccontare come è nata la conoscenza di A. (per chi s'è perso qualche puntata, basta andare nella colonna a destra e cliccare sull'etichetta "A.", appunto, così da visualizzare tutti i post relativi).

Avevo già accennato che io ed A. ci siamo conosciuti nel modo più banale e scontato. Un sito internet, un contatto, una cam.
Bisogna tornare a più di un anno fa.

E' importante questo dettaglio. Un anno fa non è solo l'indicazione del tempo passato ma piuttosto la spiegazione di ciò che io ero: un gay, in the closet come oggi, ma che arrivava da un'astinenza sessuale paurosa. Anni di vuoto totale nel sesso. Dopo rare e occasionale esperienze, i miei ultimi anni della terza decade erano caratterizzati da un "nulla" spaventoso. Il tempo che passava, la soglia degli "anta" che si presentava all'orizzonte, un disperato bisogno fisico e una solitudine sentimentale pesante mi stavano facendo scoppiare.
Da poco avevo fatto un "finto outing": questo blog. Che cretinata, penserete! Ma per me era stato importante (lo è ancora). Almeno qui, nella rete, avevo deciso di lasciar respirare i miei pensieri, liberarli, gridare al mondo la mia voglia di cazzo. Almeno qui.

Avevo trovato una gay chat, una delle tante. Qualche volta mi era capitato di entrare con il classico nickname improbabile e mi divertivo ad eccitarmi attraverso le parole che scorrevano su uno schermo. Naturalmente le descrizioni erano le più svariate: alto, basso, medico, muratore, biondo, moro, peloso, glabro, superdotato, attivo, passivo, versatile etc... La chat funzionava come utile divertimento e nulla più. Mi indisponevano però quei contatti che dopo due informazioni due già chiedevano un incontro, nell'immediato.
Il mio bisogno più forte era... comunicare.

Naturale, capirete, che le aspettative in chat erano ben diverse. Quando solo dichiari, "cerco conoscenza, chiacchiere, non sesso immediato" è più facile che il ricco con tutto il regno dei cieli passi nel culo del cammello infilato nella cruna dell'ago, piuttosto che trovare qualcuno pari requisiti.

Fino ad A.

Per caso, una sera entriamo in contatto: lui cerca "incontri" ma rimane in chat a chiacchierare. Quanti anni hai, quali esperienze, cosa ti piace fare... i classici, ma poi la fatidica domanda se ho fatto outing. No, è la mia risposta. "Neppure io", la sua.
E da lì il discorso passa alle nostre vite, alle difficoltà, alle paure. Chiacchieriamo. Prima di staccare mi chiede di rimanere in contatto via msn. Io neanche ho un account. Lo creo al momento e da li iniziamo lunghe discussioni serali, 2-3 volte a settimana.

Dopo qualche settimana A. chiede di incontrarmi. Io son titubante. Li per li accetto. Poi, il giorno dell'appuntamento, mille paure mi assalgono e rimetto tutto in discussione. Non gli do buca però. Lo avverto via e-mail. Chiedo scusa e penso che non lo risentirò più.
Ma A. continua ad essere presente in chat: si incazza per le mie paure eccessive, conosce le mie titubanze (sono anche le sue) eppure comprende. E cosa importante non forza mai la mano.
Il desiderio però è forte. Le chat si trasformano in sedute masturbatorie con la cam.
A. non ama molto il genere, alcune sere si rifiuta, altre invece "ci sta" e ci si diverte.
Il tutto sempre senza mostrare il volto. Vedi, strana la vita: ciò che mostri nella realtà lo nascondi in cam, ciò che nella realtà nascondi, lo mostri on-line.

Continuiamo così.
E' chiaro per entrambi che il nostro rapporto sarà solo virtuale.

A. mi da il suo numero di cellulare, nell'improbabilità io cambiassi idea. Ma passano mesi prima che io componga quel numero.

Insicuro, intimorito, una domenica lo contatto. Pensa addirittura io stia scherzando.

Ci incontriamo e i patti son chiari. Se non ci si piace ci si saluta cordialmente e ognuno a casa propria. La cosa invece funziona. Funziona sì (almeno fino ad oggi)! E da lì inizia la storia che già conoscete.

8 commenti:

  1. chat galeotta e un bel pò di fortuna. dovrò iniziare a frequentarle anche io. qualcosa da suggerire? :D
    raccontato così, a. sembra proprio un bravo ragazzo, e si capisce ancor di più la tua paura che tutto finisca o cambi.

    RispondiElimina
  2. Io ho poca esperienza di chat e penso anche io che come in altre situazioni bisogna avere fortuna per fare gli incontri giusti.

    RispondiElimina
  3. ti ringrazio molto per il post.io sono lontano anni luce dalle chat casomai resto in attesa dei suggerimenti che darai a Lavega.ora capisco meglio il significato del post di giugno
    "momenti cosi"
    lost

    RispondiElimina
  4. Anche io!
    baciata/o/i dalla fortuna non so ma ci siamo proprio trovati in una chat...ora non ricordo, sarà la prolungata inalazione della cipria, boh..comunque dopo 5 anni siamo ancora qui!!! GL mi ama i io lo amo.
    Da vecchia zietta posso affermare che: E' TUTTO CULO RAGAZZI!!! QUINDI, BUONA FORTUNA!!!
    Il trailer che hai pubblikato è veramente sexy, mi ricorda uno spagnolo, che viveva in germania e che parlava anche italiano che ho conosciuto e amato virtualmente per quasi 2 anni...poi il mio pc si ruppe e l'amore si spezzo!

    for you

    RispondiElimina
  5. Storia classica e molto comune. Anche io ho conosciuto Koala in un sito famoso e siamo passati a msn la sera stessa parlando per delle ore. Io avevo la febbre e lui mi tenne compagnia. Non si arrivò alla cam e al sesso virtuale...decidemmo di vederci appena mi sarei rimesso. Capitò due giorni dopo (io sono più curioso e impaziente...anche se temo sempre certi incontri live con sconosciuti). E ora son passati quasi 3 anni. Quindi credo che molti ti capiscano...anche se la tua titubanza è stata davvero eccessiva. :-) Un bacione.

    RispondiElimina
  6. Il fatto che non vi siate visti subito, secondo me, ha contribuito a consolidare questo rapporto (seppur con tutti i limiti che vi siete auto-imposti)e a far accrescere le tue paure. In lui, come più volte detto, non hai trovato un semplice trombamico, ma qualcosa di più che mai prima di adesso avevi avuto modo di conosce... spero che le paure si attenuino, anche se non del tutto, infondo la paura ci fa capire che una cosa (in questo caso una persona) è importante. Buona domenica (In)consapevole

    RispondiElimina
  7. @ Lavega - Si, direi un bel po' di fortuna e diciamo una discreta compatibilità. A. è stato sicuramente paziente. Sulle chat non saprei che consigliarti: i moderni mezzi tecnologici aiutano ma poi le relazioni si giocano a tu per tu. E anche in chat come nella vita si trovano sogni e fregature.

    @ loran - fortuna sicuramente. Mica è cosi facile trovarla sottocasa tutti i giorni.

    @ lost - in realtà il post "momenti così" è del giugno 2009, A. non l'avevo ancora incontrato live. Quel post era semplicemente riportare una citazione dal film Saturno Contro, che mi aveva molto colpito. Lo postai la sera che lo stavano dando in tv.

    @ Nanà Lanuit - già. Tutto culo! e mi associo al tuo augurio.

    @ aliaszero - titubanza eccessiva... e hai detto poco :)

    @ FrAnCeScO - sai, Francesco, credo anch'io che, nonostante tutto, questo lungo periodo svincolato dall'incontro fisico ci abbia permesso di conoscerci meglio, avere altro su cui confrontarci, indipendentemente dal fattore puramente estetico o sessuale. In questa storia ha funzionato così, poi boh, ogni storia è diversa.

    RispondiElimina
  8. Ho letto attentamente il tuo post e ho così partorito l'idea di commentarlo mediante un post sul mio blog, anzi 2, visto che ho deciso di raccontare come ho mosso i primi passi nel mondo gay.. La prima parte l'ho pubblicata oggi, la seconda è già pronta ma la pubblicherò tra un paio di giorni così da dare a tutti il tempo di leggere..

    Aspetto di leggerti..

    RispondiElimina

Se vuoi dir la tua, commenta qui:

Related Posts with Thumbnails