Google Website Translator Gadget

mercoledì 21 novembre 2012

L'etero & the falling soap


Ricordo i pomeriggi adolescenziali, ragazzi del muretto a chiacchierare tra un giro e l'altro in motorino.
Ricordo i giorni delle scuole superiori e le battute tra compagni di banco.
I tempi di una sessualità più parlata che agita e sempre, come una costante, la solita battuta sullo "stare attenti alla saponetta che cade" che si rischia di prenderlo in culo. Un classico.
Da adolescenti il tutto veniva anche accompagnato da gesti simulatori, il contatto fisico a quell'età è meno castrato, e così era possibile vedere il bulletto che mimava strusciandosi sui jeans del compagno il quale ritraeva subito il culo con un "ahò, ti sei sbagliato!".
Adolescenti.

Non solo! Le stesse battute, ad esclusione dei gesti agiti, le vedo spessissimo nello spogliatoio della palestra al termine del corso di spinning. Uomini maturi che intasano le docce e, chissà come, forse stuzzicati dalla goliardia o imbarazzo che crea il momento di nudità collettiva, sempre se ne escono con la storia della saponetta (ancora oggi che tutti, di fatto, hanno il docciaschiuma in flacone). Ma "simpaticamente", l'allusione all'inculata arriva.


Che poi, se ci fate caso, questa battuta la sentite dire in genere dai gay? Oppure riscontrate che i gay, quatti quatti se ne stiano sempre lì ad aspettare il malcapitato che si china per approfittare del suo orifizio? Così, impunemente? Violentemente? Come se qualunque cesso di uomo fosse appetibile da volerselo scopare?

A me sembra che l'insistenza su questo tema arrivi proprio e quasi esclusivamente dagli etero, che "ah ah", sfottono il frociarello ma intanto palesano un chiodo fisso, probabilmente agito poco, male, o mai.
Insomma, come accade in tanti contesti, non è che anche in questo caso le paure non sono altro che l'espressione più o meno velata di un desiderio?



32 commenti:

  1. Ma ovvio che sì! Com'è che si dice... "ridendo si dice sempre la verità".

    RispondiElimina
  2. Manco ce l'avessero d'oro sto culo sti etero!!!!!

    RispondiElimina
  3. penso che molti cosiddetti etero hanno una voglia matta nel voler vedere il cazzo di altri maschi e sono patetici nel trovare scuse spacciandole per goliardate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, credo anch'io. Anche solo per un "confronto" suppongo che più o meno la voglia di misurarsi sui cazzi altrui sia del maschio in generale, etero o gay.

      Elimina
  4. L'omosessualità latente è uno dei problemi più "acuti" del periodo che sto passando or ora. Questo tipo di comportamento, con contatto fisico facile, è proprio quello che vivo tutti i giorni con il mio compagno di università e mi sta veramente uccidendo O_O

    UnNuovoLettore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non morirai certo per così poco.Comunque, per la fase acuta ti consiglierei un buon plug anale. Se, invece, il problema persiste...beh, solo un ricco bukkake ti può salvare.
      Facce sape'.

      Elimina
    2. Mi spiace io sono uno a cui piace molto donare ma non ricevere ;)

      UnNuovoLettore

      Elimina
    3. Non hai mai provato Urrà!
      Contento tu....

      Elimina
    4. @UnNuovoLettore - fa cadere la saponetta al tuo compagno universitario ;)

      Elimina
  5. Sono solo battute sciocche, dette dagli etero per sentirsi più uomini, più virili. Lo fanno per stupidità, per ignoranza ed a volte per cattiveria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendo appunti sui motivi: stupidità, ignoranza, cattiveria

      Elimina
  6. È vero. Mettendo da parte la comicità o presunta comicità della cosa, le battutine sono retaggio di una cultura tradizionalista e omofoba che si tramanda nelle generazioni e nelle diverse fasi della vita. Scherzavi in questo modo da adolescente e scherzi nello stesso modo ora che sei grande.
    Si devono uccidere da piccoli, non i bambini, ovviamente, ma i comportamenti. Non credo che certi modi di scherzare siano sintomo, o lo siano sempre, di una omosessualità latente, ma sicuramente sono sintomo di scarsa educazione e di mancanza di sensibilità verso chi, anche a tua insaputa, ne potrebbe restare offeso.
    Io lo sento molto questo problema e non apprezzo, ad esempio, le barzellette e nemmeno le battutine che ogni giorno si sentono in mille occasioni sui froci, non mi fanno ridere, semplicemente. Perchè sono dette senza pensare, sono dette per abitudine, sono dette per dar contro a degli stereotipi che devono essere assolutamente superati, abbattuti e dimenticati.
    Un conto è riderci sopra con la consapevolezza che tutti i presenti si divertono, un altro conto è offendere chi non ne ha colpa, usando poi l'alibi del "era solo una battuta, nulla di personale". Ma vaffanc...
    Buona serata caro mio bello. Baci baci baci. Luci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Non vorrei però si passasse all'eccesso che "sui gay non si può scherzare", diventeremmo ancor più patetiche macchiette.

      Credo anch'io che non sempre dietro a queste battute ci sia un'omosessualità latente ma se ripenso ai tipi dello spogliatoio, quelli del corso di spinning in particolare, colgo che son sempre i soliti che CONTINUAMENTE pongono l'argomento in modo così assillante. Ecco allora che lì il dubbio me lo fanno venire.

      Elimina
    2. Allora direi che hai già capito quali sono quelli con cui puoi fare questo gioco quando vi trovate soli in doccia!! ahah
      Ma prima invita anche L. in doccia con te!!
      Baci

      Elimina
    3. tema delicato questo delle battute, specie oggi, colla storia del 15enne che si è ammazzato perchè lo perculavano ovunque..
      di solito mi regolo così: prima sondo un po' per capire il grado di fragilità (o permalosità) dell'altr*; poi, se vedo che c'ha le (s)palle quadrate, qualche battutaccia più o meno acida capita che la faccia anch'io. Ma dipende molto dal contesto, da quanto conosca il destinatario & da un'altra ottantina di variabili, che se le elenco tutte faccio mattina..
      cmq coi "close friends" ne faccio a raffica!

      Elimina
    4. @ Luci69 - mah! Degli spinner bonazzi c'è solo il famoso "Gesù" di un vecchio post (ricordate?), ma lui è uno di quelli che le battute sulla saponetta non le fa

      @ freedog - già, purtroppo tema delicato, oggi. Ti rispondo con le parole del mio commento fatto ad Alberto più sotto.

      Elimina
  7. Pensa che bello se fossi dichiarato! Potresti portarti una saponetta di scorta in palestra e, non appena parte la battuta, potresti correre a prenderla e gettarla a terra ed esordire con la frase:- Chi me la raccoglie, per piacere?- Ah, ah!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fossi dichiarato non direbbero mai queste cose. Noto che quando in spogliatoio c'è un tizio, checca sfranta, stanno tutti giustamente attenti (e rispettosi, devo dargliene atto)a non urtare la sua sensibilità

      Elimina
  8. Su questo argomento hai fatto altri post, se non ricordo male.
    E rispondo ora come le volte scorse: scherzare sempre e quasi in maniera ossessiva sulle saponette cadute, sfinteri inopportunamente a portata di mano e via, non è altro che l'esorcizzazione del terrore che hanno tutti gli uomini etero, ovvero l'esser froci.
    E' come scherzare sulla morte, uguale...
    Ne scherzi, la deridi, per tenerne lontana la paura.
    C'è anche l'aspetto che gli etero hanno bisogno di stare tra loro, per motivi che nulla hanno a che fare col sesso, ma questo bisogno "spirituale" provoca lo sciocco dubbio di esser un po' finocchi e quindi è obbligatorio scherzare su certe cose per negare agli altri e a se stessi questa inammissibile possibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ne avevo già parlato e ancora mi riferivo agli stessi personaggi di questo post.
      Prendo appunti anche da te quando dici (molto interessante) che si ha paura di riconoscere il bisogno amicale dello stare insieme perchè rischia di esser frainteso.

      Elimina
  9. Sta storia della saponetta sì... è cosa trita e ritrita. Una sorta di revival costante che si rinnova in mancanza di sgnacchera tra etero un po' bisognosi di attenzioni. Una forma di malcelata omosessualità latente la si ha se il contatto genera imbarzottimenti vari... ma credo in ogni caso che la curiosità e l'appetito sessuale non abbiano sesso: basterebbe talvolta anche un minimo di intimità per scatenare istinti sessuali sani che sono inibiti da molti fattori... non c'è gusto sessuale che non possa essere messo da parte se l'occasione merita un assaggio.
    Ragazzi e ragazze assaggiatevi se vi capita!
    :P F

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' solo la mancanza di sgnacchera o anche altro? Eh eh...

      Elimina
    2. Condivido ciò che dice fragoroso, almeno per me, l'appetito e la curiosità sessuale non hanno sesso.
      Molti fanno fatica ad accettare questo.... il vorrei ma non posso.
      Per le battutine è un eterno dilemma: alcune sono senza dubbio fuori luogo e di cattivo gusto altre..... è come se mi impedissero di fare battutine sul genere femminile, adoro dire che le donne sono imbranate al volante (è vero), adoro dire che si occupano solo di scarpe e borse, adoro scherzare sulla loro memoria e sulla capacità di chiacchierare con quattro persone senza perdere il filo del discorso, so che quello che dico è spesso falso, ma mi diverte, mi diverte la reazione delle donne stesse che attaccano e ti disintegrano con uno sguardo, non penso di essere offensivo ma se lo fossi? Vale per Carabinieri, gay, neri, donne ecc.
      E' meglio sempre pensare.

      Elimina
    3. E' sempre bella la libertà di scherzare e/o provocare in modo bonario. Aiuta nella socializzazione, fa gruppo, facilita l'interazione e la conoscenza.

      Io non credo che questi dello spinning siano omofobi o cattivi con quelle battute, vedo che ad esempio non le fanno se in spogliatoio c'è qualcuno che si sa essere gay. Mi fa pensare questo loro bisogno di affermare la loro mascolinità quando sono tra di loro. La cosa che continua e continua un po' irrita e secondo me racconta qualcosa di più.

      Elimina
  10. Quando manca un complesso di cose in tempi de guera ogni buca è 'na trincea... caro (In)co la vedo così!
    :P F

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma a questi spinner non manca la sgnacchera, ma scivolano sulle saponette che è un piacere, ah ah

      Elimina
  11. In questo caso non credo ci sia sempre omosessualità latente, però potrebbe anche...

    PIù che altro mi fa sorridere l'esempio del 'cesso', mi vengono in mente alcune persone (davvero etero) che fan 'ste battute perché davvero 'spaventati dai gay'. Sono tutti tizi parecchio ignoranti tra le altre cose... Comunque quando capita penso:
    'Hai paura di un gay che si avvicina per provarci (o peggio), pur sapendo che sei etero? ... Le tizie si avvicinano per provarci, vedendoti così sfigato e mollaccione, vestito come tuo zio?
    ... Ecco, figurati se lo fanno i gay che nella tua immaginazione sono vanitosi e mezzi palestrati'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, infatti: come dice I'M SO GUY qui sopra, pensano d'avere il culo d'oro solo loro :)

      Elimina
  12. Ehm... a dir la verità a me è capitato di sentire questo genere di battute proprio da alcuni ragazzi cui avrei fatto BEN PEGGIO che approfittare di una saponetta... Insomma, nella mia esperienza SI, chi faceva queste battute di solito il culo ce l'aveva d'oro, o quantomeno di granito - doloroso ammetterlo...
    Poi però: capisco il senso della battuta, ma a me uno che si china per raccogliere qualcosa da terra non è che abbia mai ingrifato molto: la schiena è tutta curva (nel verso sbagliato!) e in generale la posizione è sbagliata quindi... la saponetta non me la spiego! Che ne pensate?

    (P.s.: bel blog!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come, come? A me invece la posizione chinata ingrifa: le terga e il buco a disposizione... che vuoi di più dalla vita? Poi dipende dalle proprie inclinazioni. ;)

      Benvenuto Roger!

      Elimina

Se vuoi dir la tua, commenta qui:

Related Posts with Thumbnails